Categories
depressione

Una lieve depressione può predire il delirio postoperatorio negli anziani sottoposti a riparazione della frattura dell’anca

Lo screening per sintomi depressivi anche lievi prima della riparazione della frattura dell’anca può essere utile per prevedere quali pazienti sono a maggior rischio di sviluppare delirio dopo un intervento chirurgico d’urgenza, secondo i risultati di un nuovo studio condotto da ricercatori della Johns Hopkins Medicine. I ricercatori affermano che i loro risultati aggiungono anche prove che i sintomi della depressione e del delirio postoperatorio possono essere un indicatore precoce della malattia di Alzheimer, sebbene tali risultati non siano stati conclusivi.

Un rapporto sui risultati, pubblicato per la prima volta online, prima della stampa, il 3 febbraio 2021, sarà pubblicato in un prossimo numero cartaceo di The American Journal of Geriatric Psychiatry.

Il delirio è una condizione caratterizzata da un improvviso sviluppo di confusione mentale e disturbo dell’attenzione. Alcuni pazienti con delirio possono sembrare irrequieti e agitati, mentre altri possono sembrare sonnolenti e introversi. Il disturbo dello stato mentale è associato a perdita di indipendenza funzionale, aumento della mortalità e costi sanitari più elevati e si verifica comunemente negli anziani ospedalizzati dopo una grave malattia o intervento chirurgico, compresi gli individui che hanno recentemente subito riparazioni di emergenza per frattura dell’anca. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, ogni anno più di 300.000 persone di età pari o superiore a 65 anni vengono ricoverate in ospedale per fratture dell’anca -; quasi tutti causati da cadute.

Nel tentativo di valutare il rischio di delirio e indagare sui collegamenti con l’Alzheimer, i ricercatori hanno analizzato i dati di 199 anziani sottoposti a riparazione d’emergenza della frattura dell’anca con anestesia spinale presso il Johns Hopkins Bayview Medical Center di Baltimora, nel Maryland. I partecipanti -; 145 donne e 54 uomini -; avevano un’età media di 82 anni e tutti tranne sei erano bianchi.

Prima dell’intervento chirurgico, i partecipanti sono stati sottoposti a screening per i sintomi depressivi, utilizzando un sondaggio sulla depressione geriatrica di 15 domande (GDS-15) in cui un punteggio maggiore di cinque viene spesso utilizzato come indicatore del disturbo depressivo maggiore. Hanno anche ricevuto un Mini-Mental State Exam (MMSE) standard, un test utilizzato per identificare la disabilità mentale, se il punteggio è inferiore a 25.

Un semplice questionario sulla depressione può essere uno strumento utile per identificare se i pazienti più anziani sono ad alto rischio di sviluppare delirio”.

Esther Oh, MD, Ph.D., autrice principale, co-direttrice del Johns Hopkins Memory and Alzheimer’s Treatment Center e professore associato di medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine

Sono stati raccolti anche campioni di liquido cerebrospinale quando i pazienti hanno ricevuto anestesia spinale e successivamente analizzati per beta-amiloide (Aꞵ) 40, Aꞵ42, tau totale (t-tau) e tau fosforilata (p-tau) -; ciascuno dei biomarcatori ben consolidati per la malattia di Alzheimer.

Un gruppo multidisciplinare di esperti ha valutato i pazienti dal primo al quinto giorno dopo l’intervento chirurgico o fino alla dimissione ospedaliera per monitorare il valore predittivo dei sintomi depressivi nel delirio, utilizzando diverse fonti di dati. Questi includevano il metodo di valutazione della confusione, uno strumento diagnostico utilizzato per identificare il delirio basato sulla valutazione del paziente; una revisione delle cartelle cliniche; e colloqui familiari e infermieristici. I ricercatori hanno anche esaminato se i biomarcatori del liquido cerebrospinale al basale della malattia di Alzheimer fossero associati a sintomi depressivi.

Per collegare i punteggi del sondaggio GDS-15 al delirio dopo l’intervento chirurgico, il team ha utilizzato modelli analitici per tenere conto delle differenze di età, sesso, razza, istruzione, condizioni mediche e risultati del MMSE. Un altro modello ha preso in considerazione i biomarcatori del liquido cerebrospinale della malattia di Alzheimer nell’equazione.

Settantatre dei 199 partecipanti (37%) hanno sviluppato delirio dopo l’intervento chirurgico. Di questi, 41 (56%) avevano sintomi depressivi lievi o più gravi, oltre a deterioramento cognitivo; 11 (15%) avevano almeno una lieve depressione; nove (12%) avevano biomarcatori anormali nel loro liquido cerebrospinale ma né depressione né deterioramento cognitivo; e altri sei (8%) avevano solo un danno cognitivo.

L’analisi ha mostrato che una percentuale maggiore di quelli con depressione (GDS-15 superiore a cinque) ha sviluppato delirio, rispetto a quelli senza depressione (GDS-15 inferiore a cinque) (53,3 % contro 34,7%). Punteggi GDS-15 più alti erano associati a un rischio maggiore del 30% di delirio postoperatorio, anche dopo aggiustamento per dati demografici, condizioni mediche, MMSE e biomarcatori della malattia di Alzheimer.

Tra i 73 pazienti che hanno sviluppato delirio, 52 (71%) hanno avuto depressione preoperatoria e 41 (78%) hanno avuto un deterioramento cognitivo, ovvero quando una persona ha difficoltà a ricordare, imparare cose nuove o prendere decisioni che influenzano la loro vita quotidiana. Sei (29%) individui che hanno sviluppato delirio e avevano GDS-15 inferiore a due avevano anche punteggi MMSE inferiori a 20. In quelli con GDS-15 inferiore a due e MMSE superiore a 20 che hanno sviluppato delirio, nove ) aveva un rapporto Aβ1-42/t-tau inferiore a 1,2, indicativo di malattia di Alzheimer sottostante.

Nell’esaminare la relazione complessiva tra i biomarcatori del liquido cerebrospinale della malattia di Alzheimer e il delirio, i risultati sono stati contrastanti, dice Oh, poiché i rapporti dei biomarcatori di Aβ42 rispetto alle proteine ​​tau totali e fosforilate erano associati al GDS-15, ma non al delirio postoperatorio. “La ragione delle associazioni miste potrebbe essere stata che nel cervello degli anziani ci sono probabilmente altri processi patologici neurodegenerativi diversi dall’Alzheimer, e quindi i biomarcatori dell’Alzheimer da soli non spiegano interamente la vulnerabilità cerebrale sottostante”, ha aggiunto Oh.

Cinquantadue su 73 (71%) dei pazienti che hanno sviluppato delirio hanno avuto una depressione lieve o più grave. Insieme alla presenza di lieve depressione, deterioramento cognitivo o biomarcatori anormali del liquido cerebrospinale della malattia di Alzheimer hanno rappresentato 67 dei 73 (92%) casi di delirio.

Oh dice che i risultati si aggiungono alle prove di studi precedenti che hanno trovato associazioni significative tra depressione o sintomi depressivi e delirio postoperatorio. Quegli studi precedenti, dice, si sono concentrati sulla depressione clinica, in contrasto con i sintomi depressivi lievi, che sono stati di crescente interesse nel campo della malattia di Alzheimer e sono molto più diffusi negli individui sottoposti a procedure ambulatoriali.

Comprendere i fattori di rischio per il delirio è importante perché esistono metodi consolidati per prevenirlo. Identificando i pazienti che sono a più alto rischio di sviluppare delirio, i medici possono essere in grado di intervenire prima per prevenire efficacemente la condizione. A tal fine, i prossimi passi in questo studio sono determinare se l’indagine GDS-15 potrebbe essere uno strumento utile per prevedere l’insorgenza di delirio in diverse popolazioni, nonché utilizzarlo per identificare un gruppo ad alto rischio di delirio per uno studio di intervento.